lunedì 29 novembre 2010

David Babunski


Nome: David Babunski
Data di nascita: 1 marzo 1994, Skopje
Nazionalità: Macedonia
Altezza: n/d
Piede preferito: Destro
Squadra: Fc Barcelona - Juvenil Cadete B
Ruolo: Centrocampista offensivo
Valore: n/d




Il Barcelona ormai non stupisce più, la loro capacità di sfornare e coltivare talenti purissimi non ha eguali. Il loro lavoro è maggiore di quello di qualunque altro club e i frutti si vedono, le loro giovanili forse non sono le più forti al mondo, ma sono sicuramente quelle che preparano meglio i giocatori al grande salto nel professionismo. Basta vedere le loro partite su BarcaTv per capirlo, seguono una filosofia ben precisa che è la stessa adottata da Messi e compagni, palla bassa, passaggi veloci, movimento senza palla a proporsi, inserimenti e tanti tanti gol. I loro "Cadete" sono pieni di giocatori con questa abilità, molti sono coloro che un giorno condurranno un'onorata carriera professionistica, pochi, i più meritevoli avranno l'onore di vestire blaugrana.

Un giovane centrocampista si sta affermando partita dopo partita fornendo prestazioni eccellenti, David Babunski, un ragazzo di soli sedici anni dotato di una tecnica invidiabile e di una grande abilità nel fornire assist, sta incantando i sempre attenti tifosi del Barcelona e il suo allenatore Sergi Barjuán, ex gloria del Camp Nou, che gli ha affidato il posto da titolare nei Cadete B. (Occore una piccola precisazione: Barjuán allena sia i Cadete A che i Cadete B, queste due squadre sono assolutamente allo stesso livello, avendo il Barcelona molti giocatori è impensabile una sola rosa, facendo cosi cercano di fornire alle due formazioni elementi complementari tra loro per favorirne lo sviluppo.)

David è un figlio d'arte, suo padre Boban (attuale C.T. dell'under 21 macedone) è un ex difensore di buon livello, nella sua carriera ha giocato per il CSKA Sofia, l'AEK Atene, in Giappone per i Gamba Osaka e in Germania con il Chemnitzer FC. Tra il 1994 e il 1996 e nel 1999/2000 ha giocato in Spagna rispettivamente per il Lleida e il Logroñés. Proprio mentre giocava per il Lleida è nato David e il padre ha deciso da subito di farlo crescere in Catalogna, e in seguito di farlo giocare negli allievi del UDA Gramenet. Gli osservatori del Barca sempre molto attenti, soprattutto ai giovani che giocano in squadre catalane, hanno notato subito il suo carisma oltre che al talento e l'hanno prontamente consegnato agli allenatori dell'Infantil B (ossia i nostri Esordienti). Il suo ex allenatore Francesc Sánchez Bas lo descrive cosi: "David Babunski è un giocatore che si inserisce perfettamente nello stile e nella filosofia del club. E’ un ragazzo molto creativo, dal bagaglio tecnico davvero interessante, un virtuoso con la palla: sa creare palle-gol per gli attaccanti con apparente facilità".
Da li in poi ha sempre dato il suo contributo, dopo gli Infantil è passato alla squadra Cadete A, dove ha preso parte all'incredibile stagione in cui nelle prime 27 partite hanno realizzato altrettante vittorie con 122 reti all'attivo e solo 10 subite.
Adesso è titolare del centrocampo degli Juvenil Cadete B, nello schema 4-3-3 occupa la sezione di centro-destra alternandosi con un altro grande prospetto di importazione, il camerunense Olivier Moussima Ebongue.
Questa sarà una stagione molto importante per lui, deve riscattarsi dopo un infortunio patito la scorsa stagione che lo ha tenuto lontano dai campi per due mesi, ma bisogna dire che ha incominciato nel migliore dei modi: grandissimo gol realizzato contro il Girona e splendida doppietta ai danni del Terrassa.

Alla sua tecnica, come già detto invidiabile, bisogna aggiungere un ottimo controllo di palla e la sua proverbiale abilità nel servire i compagni. Tra i pregi bisogna annoverare il carattere, è un giocatore molto determinato e dotato di grande carisma, si distingue tra i suoi compagni anche per questo, in campo è un leader nato. Basti vedere la sua scelta che onestamente pochi avrebbero fatto, quella di decidere a sedici anni di voler giocare per la Nazionale macedone. Lui è cresciuto in Spagna ma sà che le sue radici sono in Macedonia, per questo ha dato la sua disponibilità qualore venisse chiamato, e la chiamata non ha tardato ad arrivare, pochi giorni dopo aver compiuto sedici anni è stato convocato dal selezionatore dell'under 16, l'albanese Mensur Jakupi, per la doppia amichevole contro la Slovenia. Da allora ha vestito sei volte la maglia dell'under 16 senza saltare nemmeno un minuto di gioco, nonostante la squadra sia di un livello molto basso lui ha risaltato anche in questo frangente.

Il suo futuro è ancora da scrivere, e se già normalmente è difficile fare previsioni la cosa paradossalmente si complica per un giocatore del Barcelona, dove le ipotesi sono due: o esplodi o diventi una meteora. Lui ha senza dubbio ha le capacità per esplodere, solo il tempo saprà dirci se ha avuto fortuna o meno.





LO STUPENDO GOL CONTRO IL GIRONA:



E LA DOPPIETTA CONTRO IL TERRASSA:

4 commenti:

  1. questo si che diventerà forte altro che quel Natalino Felice dell'Inter!!! Ma si può chiamare il proprio figlio in quel modo!!! ha ha ha ha

    RispondiElimina
  2. Concordo! :-D

    RispondiElimina
  3. beh almeno possono mandare una sua foto come biglietto d'auguri...

    RispondiElimina
  4. Hahahaha Questa era bella :-)

    RispondiElimina


Le scommesse sportive in Italia sono un fenomeno sempre più diffuso tra gli appassionati di sport


Punta sull'Udinese di Pawlowski su Bwin