mercoledì 20 ottobre 2010

Ajax - Come si creano i Campioni


T.I.P.S. E' molto più che una sigla, è una vera e propria filosofia. L'Ajax è la storica scuola europea del calcio che si basa su quattro fondamentali parametri: Tecnica, Intelligenza, Personalità e Velocità (T.I.P.S). I tecnici del club di Amsterdam sanno che è rischioso e difficile utilizzare questo sistema con i bambini, ma sono convinti che sia fondamentale che capiscano immediatamente la filosofia del loro gioco. Personalità e velocità sono qualità innate anche se quest'ultima può essere ulteriormente sviluppata e assieme a tecnica ed intelligenza compongono una specie di “passaporto” nel quale viene annotata la crescita di ogni singolo giovane del club.

SELEZIONE
Ogni squadra ha due allenatori: il titolare ed il secondo, che è il titolare di un'altra squadra. Gli osservatori segnalano un prescelto tramite una relazione all'allenatore della rispettiva categoria del ragazzino che viene invitato a partecipare ad una giornata di allenamento alla quale si riuniscono tutti i tecnici del Settore Giovanile. Se il consenso è unanime, il ragazzo viene chiamato nella squadra per un periodo di prova nel quale verranno incamerati e computerizzati tutti i dati relativi al calciatore stesso affinché un'accurata analisi possa decretare la decisione finale. Vengono privilegiati aspetti meno “allenabili” quali visione di gioco e personalità mentre per la tecnica si ritiene decisivo l'intervento tra gli 8 e i 12 anni. La velocità, particolarmente nei primi 10 metri con o senza palla, è fondamentale ma anche questa piuttosto innata, di conseguenza i ragazzi dell'Ajax sono di base molto rapidi e allenati secondo aspetti prevalentemente tecnici piuttosto che atletici.

ALLENAMENTO
La progressione didattica varia permette uno sviluppo tecnico in bambini che vogliono imparare sempre cose nuove e faticano a mantenere una costante attenzione. Parallelamente alla tecnica si insegna la disposizione in campo e quindi la base di ogni aspetto tattico. Con i bambini tra gli 11 e i 12 si svolge molto gioco di squadra e si organizzano veri e propri gruppi di lavoro di 2,4 settimana nei quali si correggono gli aspetti negativi emersi durante le gare.

Seduta d'allenamento tipo (90 min):
a) riscaldamento 15/20 minuti;
b) lavoro tecnico sull'obbiettivo proposto = 20/25 min con esercitazioni assolutamente varie;
c) verifica dell'obbiettivo = (partite 4vs4, 6vs6, 7vs7 con particolari accorgimenti tattico-tecnici).

Nelle gare avendo a disposizione i migliori l'Ajax schiera solitamente le formazioni di uno o due anni più piccoli rispetto all'avversario ma la cosa più sorprendente è che ogni bambino è tesserato per un solo anno alla fine del quale si valuta se farlo rimanere oppure no.

POSSESSO PALLA e VERTICALIZZAZIONI
Il possesso palla è assolutamente “scuola Ajax” ancora prima che “scuola Barcellona”(fu Cruijff a portare questo modello in Catalogna). Il calcio olandese è calcio “totale” e rappresenta il miglior modello in circolazione. Il portiere deve avere una buona tecnica e deve saper allargare e far ripartire il gioco. Il pressing è sempre alto e la palla persa deve essere recuperata nella metà campo avversaria. Si deve verticalizzare e mai allargare il gioco perché l'obbiettivo è vincere facendo divertire lo spettatore. La fase di Non possesso è curata nei minimi dettagli soprattutto difensivamente ed è finalizzata a recuperare immediatamente il pallino del gioco.

433 e VELOCITA'
Le formazioni dai primi calci alla prima squadra sono disposte secondo il 433 che può variare al massimo in 343 spostando il centrale difensivo a metà campo. Alla fine di ogni settimana di lavoro ad ogni bambino viene assegnato un compito per casa da fare.
La velocità sui primi 10 metri è ritenuta essenziale per mantenere la disciplina tattica e permettere il calcio totale. Secondo la velocità e le capacità ogni piccolo talento viene provato in 3, 4 posizioni differenti che ne evidenziano le principali attitudini tattiche.

REGOLE RIGIDE
Puntualità e presenza;
Niente orecchini, braccialetti e anelli:
Rispetto per allenatori e dirigenti del club, ma anche per compagni, avversari ed arbitro;
Comportamento corretto anche fuori dal campo (trasferte, tornei ecc...);
Regole generali in quanto ogni singolo giocatore è rappresentato come “ambasciatore dell'Ajax”.

CAMPIONI NON PER CASO
Johan Cruijff, Marco Van Basten, Frank Rijkaard, Wim Kleft, Dennis Bergkamp, Patrick Kluivert, Edgar Davids e ora Maarten Stekelenburg, Rafael Van der Vaart, Wesley Sneijder... Sono solo alcuni nomi che hanno il marchio dell'Academy dei “Lancieri” e nonostante l'Ajax non sia più quella di un tempo non possiamo assolutamente non aspettarci qualche altro fenomeno. La tradizione è garanzia.

3 commenti:

  1. ottimo articolo! veramente un blog di campioni! massi tu si che sai scrivere e, dicono.. ci sai fare anche con le donne!

    RispondiElimina
  2. Massi... adm. del Blog26 ottobre 2010 01:42

    Sei proprio mona :-)

    RispondiElimina
  3. Ajax rules... fantastici

    RispondiElimina


Le scommesse sportive in Italia sono un fenomeno sempre più diffuso tra gli appassionati di sport


Punta sull'Udinese di Pawlowski su Bwin