venerdì 29 luglio 2011

Joel Obi


Nome: Joel Chukwuma Obi
Data di nascita: 22 maggio 1991, Lagos
Nazionalità: Nigeria
Altezza: 177cm
Piede preferito: Sinistro
Squadra: Fc Internazionale - Serie A (in compartecipazione con il Parma)
Ruolo: Centrocampista centrale
Valore: 3.500.000€



Dopo i vari Natalino, Coutinho e Destro, un altro giovane proveniente dall'Inter ha conosciuto la Serie A la scorsa stagione. Lanciato da Rafa Benitez per sopperire agli infortuni che hanno colpito la mediana all'inizio dell'anno, ha mostrato talento e qualità che gli sono valsi la riconferma in nerazzurro per quest'anno. Inoltre Gianpiero Gasperini, neo tecnico dell'Inter, ha speso belle parole per il giovane di passaporto nigeriano, affermando a più riprese che oltre ad essere un elemento di belle speranze sarà un elemento d'importanza nella prossima Serie A.

Obi nasce a Lagos, l'ex capitale della Nigeria, ed inizia a svolgere la sua attività di giocatore presso il Nepa Lagos, importante squadra cittadina. Nel 2005 viene notato dagli attivissimi osservatori dell'Inter che decidono di portarlo ad Appiano per farlo crescere dal punto di vista tecnico-tattico. Viene subito inserito nella squadra allievi dove si mette subito in mostra grazie a fisico e talento, e in poco tempo conquista un ruolo di rilievo nella Primavera meneghina, che in questi anni è stata assoluta protagonista in campionato.
Viene convocato da Benitez per il ritiro estivo 2010, e da li in poi come già detto grazie agli infortuni di alcuni giocatori, resta in Prima Squadra. Il 29 settembre 2010 fa il suo debutto, all'ottantesimo minuto nella sfida di Champions League contro il Werder Brema subentra a Dejan Stankovic nella sfida poi vinta per 4-0. Due settimane dopo, il 17 ottobre, fa il suo debutto anche in campionato sostituendo Coutinho al sessantaseiesimo minuto. Il 14 novembre arriva la grande occasione, parte da titolare nel derby contro il Milan ma purtroppo deve lasciare il campo al trentacinquesimo minuto per colpa di un infortunio muscolare.
Il 31 gennaio 2011 il Parma acquisisce metà del suo cartellino in seguito al alcuni affari tra i ducali e l'Inter, il giocatore però continua a giocare in nerazzurro sia per i restanti sei mesi che per la stagione 2011/2012.

Obi è un centrocampista centrale che si distingue soprattutto in fase offensiva e di impostazione. Dispone di un'ottima velocità che gli permette di svariare su tutta la mediana e di un buon fisico per reggere nei contrasti. E' in possesso di un eccellente tecnica individuale, in Primavera giocava praticamente da regista impostando per gli attaccanti e le fasce, passaggi corti e lanci lunghi sono frecce di cui dispone per il suo arco. La cosa che ha colpito maggiormente in occasione delle 13 partite giocate quest'anno in nerazzurro è sicuramente la personalità con la quale si è inserito nei meccanismi della squadra, a soli vent'anni ha dimostrato concentrazione e attenzione di un giocatore molto più maturo, inoltre il suo gioco semplice e solido lo ha fatto ben figurare. Obi unisce qualità e quantità che un possibile 3-4-3 Gasperiniano potrebbe esaltare, da rivedere la fase difensiva, non un'autentica pecca, ma sicuramente bisogna migliorarne l'intensità. Purtroppo Obi durante la sua giovane carriera ha subito alcuni e troppo frequenti infortuni muscolari, ma sicuramente in un Top Club dove si hanno a disposizione i migliori preparatori e fisioterapisti si sa come intervenire per prevenire al fine di evitare un declino dovuto appunto a questi infortuni.

L'eccellente inizio della stagione 10/11 ha permesso al giovane centrocampista di farsi notare anche dalla sua Nazionale. Il 9 febbraio 2011 ha debuttato con la sua Nigeria giocando contro la Sierra Leone dal primo minuto. Dopo aver fornito l'assist per il definitivo 2-0 lascia il campo al sessantaquattresimo minuto salutato da una standing ovation del suo pubblico. Ad oggi sono ben cinque le presenze con la verde maglia nigeriana.
Come già detto l'Inter crede molto in questo giovane prodotto del vivaio, e lo ha protetto anche dalle mire di altre squadre. L'Udinese infatti quando stava trattando Sanchez con i nerazzurri lo voleva inserire come contropartita nell'affare ma subito è arrivato il secco no di Branca.
Bisogna concludere con un elogio all'Inter che negli ultimi anni sta proponendo giovani di spessore nel nostro campionato, dopo Balotelli e Santon, la scorsa stagione con Natalino, Coutinho, Destro al Genoa e lo stesso Obi, e la prossima stagione con i nuovi Alborno e Castaignos oltre ai prodotti del vivaio Caldirola, Benedetti, Dell'Agnello, Bardi e Crisetig è sicuramente una delle società di punta a livello mondiale nel lavoro giovanile.







Gol durante la partitella nel ritiro estivo 2011

6 commenti:

  1. IBRA11champions29 luglio 2011 19:18

    Tanto questo qui Prince Boateng se lo mangia a colazione... Hahaha. Ne avete di strada da fare bambini interisti per diventare come i campioni d'Italia e la squadra più' titolata al mondo.

    RispondiElimina
  2. Fez - Adm. del blog29 luglio 2011 20:20

    Articolo scritto da un milanista che ama il calcio.

    RispondiElimina
  3. Massi...adm. del Blog29 luglio 2011 20:24

    tanto per cambiare... ;-)

    RispondiElimina
  4. Massi...adm. del blog29 luglio 2011 20:28

    e mi riferisco all'amico lettore

    RispondiElimina
  5. EccezZziunale1 agosto 2011 16:37

    Il problema in sè è che questi giocatori hanno veramente poco spazio. Obi lo scorso campionato ha fatto scampoli e magari meriterebbe molto più spazio.

    RispondiElimina
  6. GRANDISSIMO Obi, in questo precampionato è stato senza dubbio il migliore.

    Sono sicuro che Gasp punterà tantissimo su di lui.

    RispondiElimina


Le scommesse sportive in Italia sono un fenomeno sempre più diffuso tra gli appassionati di sport


Punta sull'Udinese di Pawlowski su Bwin