domenica 12 febbraio 2012

Okay Yokuslu


Nome: Okay Yokuşlu
Data di nascita: 9 marzo 1994, Konak - Izmir
Nazionalità: Turchia
Altezza: 188cm
Piede preferito: Destro
Squadra: Kayserispor - Süper Lig
Ruolo: Centrocampista centrale
Valore: 2.300.000€



La Turchia è da sempre terra fertile per la nascita di giocatori promettenti, specialmente centrocampisti, anche se purtroppo per la loro Federazione e tutti i tifosi turchi non sempre hanno potuto ammirare tutti questi talenti con la maglia della loro Nazionale. A causa della globalizzazione molti turchi hanno cercato maggior fortuna all'estero, la maggior parte in Germania, ed infatti i tedeschi fin da subito hanno promosso il fenomeno dell'integrazione e molti giovani di origine turca hanno vestito fin da giovanissimi la maglia bianca della Germania, come ad esempio Ozil, Khedira e molti altri nelle Selezioni giovanili.
Il giovane Okay è nato in Turchia, gioca in quel campionato ed ha vestito la maglia delle Nazionali giovanili turche, ma anche per lui potrebbe esserci un futuro in Germania, non con la Nazionale teutonica, ma nella massima serie tedesca: la Bundesliga.

Okay inizia a giocare nel 2002, a soli sei anni, nel settore giovanile del Karşıyaka S.K., squadra della sua città natale. Nel 2006 passa all'Altay S.K., la squadra più rinomata della sua regione, l'Izmir, nonchè uno dei settori giovanili più attivi della serie inferiore turca. All'Altay inizia a mostrare tutto il suo talento, fin da subito viene inserito nelle formazioni con ragazzi più grandi di lui per abituarlo alle difficoltà che non sembrano influire sul suo gioco. Nella stagione 2009/2010 arriva il grande salto: viene aggregato alla Prima Squadra dapprima solo per alcuni allenamenti, in seguito arriva la prima convocazione ed il debutto il 20 gennaio 2010 nella serie cadetta, la 1. Lig, nella sconfitta in casa del Kartalspor dove gioca dal primo minuto uscendo solo nelle battute finali. L'allenatore, Mehmet Altıparmak, decide di concedergli fiducia anche nella partita successiva, l'incontro casalingo contro l'Orduspor. Il giovane centrocampista entra in campo al cinquantaquattresimo minuto e a due minuti dal termine realizza la rete del pareggio, siglando la sua prima marcatura tra i professionisti. Alla fine della stagione conta 12 presenze e due gol in 1. Lig oltre a due presenze e una marcatura in Türkiye Kupasi, la Coppa Nazionale turca.
La stagione 2010/2011 comincia in modo incoraggiante per Okay che realizza 7 presenze nelle prime 10 partite. Il gol arriva alla dodicesima giornata contro il Giresunspor. Alla fine totalizzerà 2 gol in 21 presenze a soli sedici anni.
L'estate 2011 si rivela fondamentale per il ragazzo, arrivano molte offerte all'Altay per il suo trasferimento, ma la più interessante, nonchè la più importante dal punto di vista economico è quella di un milione di euro da parte del Kayserispor. Il giovane accetta vista l'opportunità di giocare in Süper Lig, e questo rivela anche molta maturità da parte del giovane che abbandona la zona costiera di Izmir per trasferirsi nella centrale Anatolia a quasi mille chilometri da casa.
Al Kayserispor conquista un posto da titolare già in occasione della seconda partita, mentre al settimo turno di campionato realizza la sua prima rete nella massima serie nella partita vinta per 6-2 contro il Sivasspor. Fino ad oggi (il campionato è tuttora in corso) ha realizzato 2 gol e 1 assist in 17 presenze, ed il minutaggio a sua disposizione è notevole per un giovane di soli diciassette anni.

Nonostante la giovane età Okay è un giocatore maturo dal punto di vista fisico, grazie al quale non ha sofferto troppo l'impatto con il professionismo. Tecnicamente è un talento importante, nasce centrocampista centrale con compiti di impostazione di gioco ma ama molto gli inserimenti che lo portano spesso al tiro. Quando lo si vede giocare si fatica a credere sia un giovane classe '94, la maturità calcistica è la dote più impressionante del ragazzo. Lo si può definire un centrocampista completo, si destreggia bene in fase di copertura e di non possesso palla, inoltre apporta molta "quantità" alla zona mediana.

La sua carriera nelle selezioni turche inizia con l'Under15 nella quale realizza 6 presenze e 3 gol. Dopo altre 6 apparizioni in Under16 diventa il punto fisso dell'Under17 con 25 presenze e 4 gol. Nella stagione in corso ha debuttato anche con l'Under 19 con la quale finora conta 2 convocazioni.

Come detto nell'introduzione pare ci sia la Germania nel futuro del ragazzo, con Borussia Dortmund e Bayern Monaco molto interessate al giovane centrocampista. Pare che entrambe le società abbiano già intrapreso contatti con il Kayserispor per un eventuale trasferimento anche se la cifra richiesta dalla squadra turca rischia di essere molto importante per un giovane '94. Con il passare del tempo è più che plausibile che siano molte le società ad interessarsi a questo talento, vista anche l'importanza che sta acquisendo nella sua attuale squadra e nel campionato turco, e sicuramente non passerà molto prima che decida di trasferirsi in un campionato più difficile per continuare la sua crescita.






Video di un gol con la maglia dell'Altay



Pubblicato il 13/02/2012

10 commenti:

  1. Interessanti e scritti abbastanza bene i vostri articoli, ma è meglio generazione di talenti

    RispondiElimina
  2. Fez Adm. ProssimiCampioni13 febbraio 2012 22:37

    Ti ringrazio per il complimento, per il resto è questione di gusti e preferenze. Noi non ci mettiamo in paragone con nessun altro sito, semplicemente facciamo il nostro e cerchiamo di divertirci scrivendo ciò che ci piace e in questo speriamo di trasmettere un po della nostra passione ai lettori.

    Se possibile ti chiedo in futuro di firmare i commenti, almeno con un nickname, in modo da non parlare ad un "anonimo".

    RispondiElimina
  3. Rosario Fortunato13 febbraio 2012 23:05

    Per anonimo: Generazioniditalenti esiste da quasi 6 anni per forza è magari migliore... ma generazioneditalenti è diventato più che altro un sito di informazione, di cronaca e calciomercato... anche io leggevo molto di più quel sito ma ti posso assicurare che Prossimi Campioni è cresciuto davvero in maniera esponenziale. Ma soprattutto gli articoli di Prossimi Campioni sono scritti benissimo, i profili dei giocatori sono completi (generazioneditalenti ultimamente "abbozzano" i profili) e trattano solo una fascia di età (generazioneditalenti invece trattano addirittura degli '85, '86, quindi non proprio veramente giovani)... ma soprattutto Prossimi Campioni fa degli articoli per la rubrica che generazioneditalenti se li sogna con il binocolo. Generazioneditalenti è diventato ormai solo un sito di cronaca, niente di più. Certo se vuoi sapere tutto sul campionato primavera allora generazioneditalenti è il migliore. Ma se invece cerchi la qualità e la sensibilità giornalistica allora Prossimi Campioni è il migliore! Su questo non c'è ombra di dubbio.
    Devi scegliere tra qualità (Prossimi Campioni) e quantità (generazioneditalenti). Io preferisco la qualità.

    RispondiElimina
  4. Rosario Fortunato13 febbraio 2012 23:21

    Quello che voglio dire è che generazioneditalenti è uscito un po' troppo dallo scopo per il quale era nato.
    Lo scopo di Prossimi Campioni è di far conoscere meglio i giovani talenti del calcio mondiale e questo fa.
    Generazioneditalenti è andato al di là di questo... tanto è vero che tratta anche degli altri campionati.
    Non si può fare un paragone, almeno non ora.

    RispondiElimina
  5. Bella scheda e lavoro con questo sito. Però eviterei paragoni e giudizi con il lavoro svolto, con la medesima passione, dagli altri.
    Generazione di talenti non è uscito dallo scopo per il quale è nato: la richiesta e voglia di sapere di chi ci viene a far visita ha fatto sì che quello che era un semplice forum dove si volevano enciclopedizzare i giovani talenti diventasse quello che è oggi. Abbiamo seguito le richieste degli utenti e dato sfogo alla fantasia dei vari redattori. Alcune collaborazioni, come quelle con la Gazzetta, ci spingono a dover tenere traccia anche di giocatori non più giovanissimi, che sono comunque pochi rispetto al totale e contestualizzati.

    Per quanto riguarda quantità o ... qualità sarei curioso di fare un paragone tra le varie schede per capire chi ha letto chi prima di farne una.
    Certo, schedare Gonzalo Barreto oggi è semplice. Schedare Gonzalo Barreto quando nessuno lo conosceva non è proprio la stessa cosa. Schedare Francesco Grandolfo dopo la tripletta contro il Bologna con tutto il clamore mediatico e le interviste che hanno fatto seguito è una cosa. Schedare Grandolfo prima di tutto questo è un altra cosa ancora.

    RispondiElimina
  6. Gentile Dino siamo perfettamente d'accordo con te nel tuo invito ad evitare qualsiasi paragone. Premesso che a noi non interessa metterci in competizione con nessuno è giusto dire che ogni utente può esprimere la propria opinione. Permettici però di fare alcune precisazioni:
    - il paragone fatto da Rosario è una considerazione assolutamente personale di un nostro fedele lettore e non di un nostro collaboratore o amico (questo per eludere qualsiasi mal pensante che possa individuarne una relazione con noi che vada oltre il piacevole rapporto instaurato nel web, recentemente). Quindi per inciso si parla di un giudizio personale e noi di ProssimiCampioni, anche fossimo in accordo o in disaccordo con Rosario, non esprimiamo considerazioni rispetto ad altri siti (GT in testa).
    - Il fatto che tu abbia rivendicato la qualità del tuo lavoro e quello dei tuoi colleghi ci sta benissimo, è legittimo se non quasi obbligatorio voler tutelare i propri sforzi (a maggior ragione quando nascono da impegno e grande passione).
    Veniamo però all'infelice conclusione del tuo (fino a quel momento graditissimo commento). L'affermazione "vorrei capire chi ha letto prima chi..." risulta essere sconveniente ed antipatica e non in linea con l'autorevolezza e il rispetto che ha acquisito Generazione di Talenti negli anni. ProssimiCampioni nasce in primo luogo da altre fonti rispetto a GT e PROPRIO PER EVITARE QUESTE VELATE MA ALTRETTANTO SPIACEVOLI ACCUSE siamo sempre stati attenti a non mutuare da voi. E' possibile che qualche informazione o qualche piccolo aneddoto sia stata letto da GT ma nel normale monitoraggio di informazioni nel web relative a quel particolare giocatore. Noi siamo sempre attenti a verificare che le info proposte al pubblico siano riscontrate su più fonti ed è possibile che GT rappresenti una di queste, ma non la primaria te lo assicuro. (Ci avete anche accusato di plagio alcuni mesi fa in una mail personale inviata da un vostro collaboratore. Stupiti e sbigottiti abbiamo inviato una richiesta di quale fosse l'articolo incriminato ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta/Lo stesso vale per la sollecitazione che abbiamo fatto alcune settimane dopo/Senza dimenticare l'ennesima recente richiesta fatta direttamente al Gentile e cortese Massimo Tanzillo, vostro capo ed ideatore di GT, quando ci ha chiesto di far parte del vostro Network. Lui non ne sapeva nulla e ci ha detto che avrebbe domandato ai suoi collaboratori). Ecco che il tutto risulta essere ancora più antipatico e non ci riferiamo a Massimo Tanzillo che probabilmente non si è occupato personalmente della cosa...

    RispondiElimina
  7. ...Il fatto che Grandolfo o Barreto (esempi non fatti a caso ma con estrema furbizia) siano stati pubblicati in occasione di loro imprese sportive non ci sembra un problema ma semplicemente la certificazione del loro buon talento (se un giocatore ci piace, che sia famoso oppure no, lo pubblichiamo). I veri scopritori di talenti sono altri, sono gli osservatori, gli addetti ai lavori, i procuratori (ahimé...) e non Generazione di Talenti (tanto meno ProssimiCampioni che non ha nessuna pretesa di passare come tale).
    Quello che offriamo è un servizio per gli appassionati come noi ed eventualmente far conoscere ai più, quello che in pochi (ma non così pochi) conoscono. La nostra competenza non sta a noi giudicarla e sinceramente non ci interessa.
    Per dovere di cronaca le nostre soddisfazioni ce le siamo prese e ce le continuiamo a prendere (ad esempio recentemente la Gazzetta dello Sport e SportMediaset ci hanno citato perché abbiamo segnalato "per primi" (ripeto fra virgolette) il classe 95 Jankovic della Stella Rossa, seguito dalla Roma). Questo non va oltre la soddisfazione del momento e infatti non abbiamo mai pubblicato una sezione sul nostro sito che riporta articoli o testate che ci citano. In sintesi l'ennesima velata delegittimazione della nostra competenza è puerile e antipatica. In conclusione diciamo che ci va di prenderla come un'uscita estemporanea di uno scrittore di GT e non la riconduciamo direttamente al vostro sito che non avrebbe avuto bisogno di mettersi in competizione con noi)... Cosa che a noi non interessa... CHE CI SIA O MENO PARAGONE...
    Cordiali saluti.

    ProssimiCampioni

    RispondiElimina
  8. Mi scuso se rispondo solo ora (essendo stato chiamato in causa) ma sono stato portato a conoscenza solo ora di questa discussione non seguendo assiduamente il vostro portale.

    Prima di tutto concordo con chi ha fatto i complimenti all'autore del profilo in questione.

    Se me lo permettete, infine, vorrei chiudere questa piccola "diatriba" qui. E per questo motivo che mi limiterò solo a scrivere delle precisazioni su delle inesattezze in modo tale che tutti possono farsi un'idea chiara senza avere delle informazioni distorte della realtà. Dopodichè sarò disponibile solo in privato a chi vorrà altre delucidazioni.

    Siamo (e mi riferisco a voi e a noi) tra i pochi siti che trattano in modo serio un argomento ancora troppo poco affrontato in Italia e farci la guerra non è nè utile nè edificante per chi ci legge. Tra poco diventeremo prodotto editoriale e come tale ogni editore sceglie una propria linea editoriale e ciò non significa che sia migliore o peggiore di chi semplicemente ha fatto scelte diverse ma ugualmente apprezzate.

    Il paragone non interessa a voi quanto nè tantomeno, come detto, farci la guerra.

    L'avervi chiesto la disponibilità per entrare a far parte del nostro network è appunto la dimostrazione che il vostro lavoro è apprezzato dal sottoscritto (così come quello di chiunque affronta in modo serio e senza interessi l'argomento) ed era volto a dare più visibilità al vostro portale grazie ormai all'enorme interesse che il nostro progetto (nella sua totalità) ha destato tra gli addetti ai lavori in primis e semplici appassionati.

    Per quanto riguarda le precisazioni:

    "generazioneditalenti è diventato più che altro un sito di informazione, di cronaca e calciomercato":

    Mi attengo ai numeri e ne faccio un discorso puramente statistico. Non esiste sul nostro portale nessun altro argomento che abbia più spazio, interesse, visibilità e riscontro dei nostri profili. L'aver allargato i nostri orizzonti è semplicemente frutto dell'enorme richiesta di nuovi argomenti (sempre riguardanti comunque lo scouting e il calcio giovanile) che nel corso del tempo ci sta pervenendo.

    "ma soprattutto Prossimi Campioni fa degli articoli per la rubrica che generazioneditalenti se li sogna con il binocolo":

    Niente da obiettare è un pensiero dell'utente e come tale va rispettato. Allo stesso modo quindi del pensiero dell'utente anonimo che inizialmente scriveva "ma è meglio generazione di talenti"

    "In conclusione diciamo che ci va di prenderla come un'uscita estemporanea di uno scrittore di GT":

    Come detto per quanto mi riguarda si tratta di semplici incomprensioni. Dino ha espresso il suo pensiero su di voi. Il mio ve l'ho appena espresso.

    ". I veri scopritori di talenti sono altri, sono gli osservatori, gli addetti ai lavori, i procuratori (ahimé...) e non Generazione di Talenti" :

    Questa è la precisazione che ci tengo più a fare. Come dicevo prima GT è un progetto non un semplice portale. E' appena nata GT SCOUTING AND CONSULTING S.R.O. una vera società di scouting che lavora in esclusiva per agenzie di procure e clubs. Personalmente, infine, ricopro il ruolo di scout coordinator per una società di procura ed ogni anno sono numerosi i ragazzi scovati dal sottoscritto e il suo staff che vanno a riempire le giovanili di club italiani e non. Quindi debbo smentire quest'affermazione. Non saremmo Mino Favini ma facciamo parte di questo mondo e sappiamo di cosa parliamo. Che poi sul portale, ovviamente direi, ci finisca la parte "giornalistica" e non quella dello "scouting puro" è un altro discorso. Insomma che non passasse l'idea che siamo un semplice blog che parla di giovani talenti ;)

    RispondiElimina
  9. Sì sì... la mia è uscita a titolo personale, non sia mai coinvolgere GT. Ho letto con interesse la scheda perchè cercavo informazioni su questo ragazzo: inevitabilmente mi è capitato l'occhio sui commenti.

    Ho fatto un po' di confusione: l'ardore del commento di Rosario Fortunato mi ha fatto credere che fosse uno dello staff... chiedo venia!

    Ed infine, dopo rinnovati complimenti per il progetto, preciso citando:

    "Il fatto che Grandolfo o Barreto (esempi non fatti a caso ma con estrema furbizia) siano stati pubblicati in occasione di loro imprese sportive non ci sembra un problema ma semplicemente la certificazione del loro buon talento"

    Hai frainteso: intendevo che prima dell'esplosione dei calciatori le informazioni a disposizione sono poche, e capita che escano schede "striminzite" rispetto al lavoro svolto da altri successivamente. Inoltre, come ha ben spiegato Tanzillo, non è proprio vero che "I veri scopritori di talenti sono altri"... ce la caviamo abbastanza ad anticipare le masse ^^

    RispondiElimina
  10. Gentile Massimo Tanzillo, la ringraziamo dell'intervento e ci scusiamo di averla nominata indirettamente. La diatriba per noi era chiusa in partenza in quanto dalla nostra parte non è mai iniziata. Non abbiamo fatto la guerra a nessuno, non abbiamo espresso opinioni su nessuno ma semplicemente sul nostro portale, in risposta a due lettori che hanno espresso opinioni divergenti, un suo collaboratore ha mosso alcune velate e furbesche critiche che delegittimano il nostro lavoro e addirittura inneggiano al plagio (e per quanto indirette queste critiche risulta immediato il pensiero di quest'intento). L'ha fatto non specificando l'opinione personale e parlando come collaboratore di GT. Per il resto anche lei ha voluto fare delle precisazioni su GT (in maniera assolutamente legittima) ma sottolineo che queste sono rivolte al nostro lettore Rosario e non a noi. La ringraziamo per averci rinnovato la stima e la ringraziamo per le belle parole.
    Complimenti per il grande successo che avete avuto e i migliori e più sinceri auguri per il vostro importante progetto. Il fatto che GT passi come semplice blog che parla di giovani talenti non è stato assolutamente partorito da noi e sinceramente non capiamo la volontà di continuare a sottolineare il contrario in quanto sono state delle considerazioni di semplici lettori. Ben più grave è andare a "casa d'altri" e scrivere delle affermazioni che possono essere intese come accuse. In merito alla vostra competenza, rimarchiamo per l'ennesima volta che nessuno l'ha minimamente messa in dubbio (anzi è successa la cosa contraria). Permetterà che umilmente difendiamo il nostro piccolo lavoro e rispondiamo per le rime quando le critiche sono gratuite o poggiano su non verità.
    Molto interessante l'attività di scouting che avete intrapreso, sarà un piacere recensire un "prossimo campione" scoperto dalla sua agenzia e citarne quindi il merito.

    La ringraziamo un cordiale saluto.

    Al gentile Dino, volevamo sottolineare che solo ora, dopo le tue precisazioni, le tue affermazioni non sono vaghe ma rispondono ad un ragionamento privo di ambiguità (prima avevamo frainteso in 4 e cioè l'intero staff di ProssimiCampioni). Ti ringraziamo per i complimenti e ti facciamo un in bocca al lupo per il tuo lavoro con l'augurio, nell'eventualità fosse nei tuoi desideri, che vada oltre l'hobby da appassionato qual è.

    Un saluto

    ProssimiCampioni
    Massimo Lunian e Flavio Lanciano

    RispondiElimina


Le scommesse sportive in Italia sono un fenomeno sempre più diffuso tra gli appassionati di sport


Punta sull'Udinese di Pawlowski su Bwin