lunedì 10 maggio 2010

Iker Muniain


Nome: Iker Muniain Goñi
Data di nascita: 19 dicembre 1992, Pamplona
Nazionalità: Spagna
Altezza: 171 cm
Piede preferito: Destro
Squadra: Athletic Bilbao – Primera Divisiòn
Ruolo: Seconda punta
Valore: 5.000.000 €



Il giovane Iker ha dimostrato che si può diventare una leggenda a soli 16 anni, 7 mesi e 18 giorni, questa infatti era l’età quando ha infranto il record di giocatore più giovane ad aver realizzato un gol nella Liga spagnola, a questo va aggiunto il record come debuttante più giovane ottenuto esattamente 7 giorni prima la sua marcatura e quello di goleador più giovane in Europa il 6 agosto 2009 contro gli svizzeri degli Young Boys.
Iker, da molti definito un predestinato, inizia la sua avventura nel piccolo club di Pamplona dell’Union Deportiva Cultural Chantrea, nel 2005 viene notato dai talent scout dell’Athletic che percependo il potenziale del ragazzo non tardano a prelevarlo e unirlo alle giovanili del club. Il suo percorso nelle giovanili è completo, ha militato nell’Athletic Infantil A, nei Cadete, negli Juvenil e nel Bilbao Athletic (la squadra B dell’Athletic) prima di debuttare in prima squadra.
Joaquin Caparros, attuale allenatore dei baschi, già al suo arrivo nel 2007 notò il ragazzo e lo aggregò alla preparazione estiva della squadra nonostante all’epoca Iker avesse solo 14 anni.
In un’intervista dichiarò di essere rimasto impressionato dalle qualità del ragazzo, dal modo di giocare e proteggere la palla abbassando il baricentro, dalla sua incredibile agilità e dalla velocità dei movimenti, queste infatti sono le sue principali caratteristiche unite a un dribbling fulminante e a un ottimo tiro, non a caso dopo un incontro a Brema tra i baschi e il Werder la stampa tedesca lo paragonò a Lionel Messi. Nonostante il paragone, forse esagerato, Iker ricorda molto nelle movenze e nel modo di vedere il gioco “La Pulga” argentina, inoltre il suo compagno e amico Gaizka Toquero, il primo che lo accomunò a Messi, dichiara che nel club tutti stravedono per lui e nonostante sia a conoscenza del suo talento è un ragazzo normalissimo che sa di avere ancora molta strada davanti a sé. Tutto ciò ha portato la società a cautelarsi prolungandogli il contratto fino al 2015 inserendo una clausola rescissoria (obbligatoria in Spagna) compresa tra i 35 e i 46 milioni di Euro.
Basta vederlo giocare pochi minuti per intuire l’enorme talento del ragazzo, una seconda punta veloce e tecnica, può partire sia da destra che da sinistra o giocare dietro un attaccante di peso.
Nella stagione 2009/2010 ha accumulato 31 presenze e 5 gol di cui 3 in campionato e 2 in Europa League. Nel suo curriculum può annoverare anche 2 presenze e 1 gol nella Spagna under 16 e 20 presenze e 2 gol nella selezione under 17. In molti sono convinti che un giorno sarà un elemento indispensabile nella formazione delle Furie Rosse.








Pubblicato il 10/05/2010

3 commenti:

  1. Ha veramente il baricentro bassissimo, come Messi e Maradona. Tecnica pazzesca. Secondo me farà strada!

    RispondiElimina
  2. Oltre alle qualità tecniche di prim'ordine, mi ha stupito all'Europeo Under 21 la sua capacità di lavorare per la squadra, lo spririto di sacrificio che lo spingevano a rincorrere l'avversario e recuperare palla nella propria metà campo. Un giocatore già maturo nonostante la giovanissima età.

    Mauro

    RispondiElimina
  3. Fez - Adm. Pc8 agosto 2011 01:48

    Non posso che concordare. Dal punto di vista dell'esperienza le 35 presenze in Liga la scorsa stagione si vedono tutte.

    RispondiElimina


Le scommesse sportive in Italia sono un fenomeno sempre più diffuso tra gli appassionati di sport


Punta sull'Udinese di Pawlowski su Bwin